martedì 7 dicembre 2010

A proposito di Cloud Computing...

La settimana scorsa, per motivi lavorativi, sono stato 3 giorni a un corso/seminario/conferenza dal titolo "Enterprise Web e Cloud Computing" tenutosi a Roma e organizzato dalla Technology Transfer.
I docenti, di primo livello e all'avanguardia erano :
Il corso era in inglese (ovviamente!) e con traduzione simultanea in italiano.

Sono stati 3 giorni veramente "pieni" e stare 8 ore ad ascoltare questi argomenti, per chi è del mestiere, è veramente appagante. Si è parlato dei 3 tipi di cloud: Pubblico, Privato e Ibrido, con una analisi dettagliata di costi/benefici.
La struttura espositiva è stata la seguente: 11 sessioni da 1 ora e 45 l'una nelle quali si alternavano i docenti e 1 sessione di confronto (chiamata PANEL) con domande e risposte alla presenza di tutti i docenti.

Non voglio annoiarvi troppo con le spiegazioni tecniche sul Cloud Computing, ma per chi fosse interessato, lascio tutti i riferimenti sotto.

Le società (vendor) più mature per fare il Cloud Computing e che mettono a disposizione tutta l'infrastruttura (PaaS e IaaS) sono, manco a farlo apposta, americane e si chiamano Salesforce, Teradata, Amazon, Google e Microsoft.
Tirando le somme, quello che è uscito fuori è che conviene un cloud ibrido per dimensioni aziendali medio-piccole, o in alternativa un cloud pubblico nel quale esporre servizi non "core" dell'azienda. Di solito si parte con piccole realtà tipo una parte dei siti web,servizi di statistiche e alcuni tipi di documenti. Di solito non si migra su cloud la parte di database soprattutto se grande (parliamo di terabyte di dati) e/o con dati sensibili.
Putroppo non posso condividere le presentazioni (si tratta di 12 file PDF pieni di utilissime info e del peso totale di circa 200 MB) che sono la chiave di lettura per il mio personale glossario, ma chi fosse interessato può contattarmi.



BREAKING NEWS!
  1. Sembra che SKYPE (la nota piattaforma di video-telecomunicazioni  via web) stia pensando di migrare  gran parte dei suoi servizi su piattaforma Cloud (in modalità PaaS)...staremo a vedere! 
  2. Una società inglese (EMC) ha commissionato alla CEBR una ricerca che stima in circa 35 miliardi di euro (!!) i possibili introiti (annuali) italiani per un spostamento su cloud di prodotti/servizi. WOW!



TITOLI SESSIONI (con pdf associato, ma non pubblicato):
 
  • Enterprise Cloud Computing: Tecnologie, Tools e Casi d’Uso (David Linthicum)
  • Cloud Application Architectures (George Reese)
  • Convergenza fra Cloud Computing e SOA (David Linthicum.)
  • Il come e il perché del Database Management nel Cloud (Colin White)
  • Il Cloud privato (George Reese)
  • Sviluppo applicativo nel Cloud (Ed Yourdon)
  • Integrare i dati dell’Enterprise con i dati del Cloud (Mike Ferguson)
  • Enterprise Web e Cloud Computing: Stato dell’Arte (Colin White)
  • Implementare un sistema di BI SaaS in un ambiente di computing Cloud (Mike Ferguson)
  • Futuri trends dell’Enterprise 2.0 (Ed Yourdon)
  • Supportare i lavoratori mobili in un ambiente Enterprise Web e Cloud Computing (Colin White)


GLOSSARIO

RIFERIMENTI DOCENTI:


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Post molto interessante!

Anonimo ha detto...

Ciao,
cosi come hai detto sarei interessato al materiale. Come averlo? puoi scrivermi a framar333 AT hotmail.com
Ti ringrazio anticipatamente e ti faccio i più cari saluti di Natale