domenica 13 novembre 2011

RESET 2011!

Oggi è il primo giorno , dopo poco più di mille, che non abbiamo Silvio Berlusconi IV al governo.
Per tanti è una vittoria, per pochi una sconfitta, ma staremo a vedere come l'italia paese saprà risollevarsi nonostante tutto e tutti.
La politica ha fallito, l'economia ha fallito, l'italiano medio ha fallito, ci ritroviamo quindi con tanti problemi, un debito pubblico schiacciante, due generazioni da mantenere, il lavoro che non c'è, i bravi giovani che vanno all'estero a cercar fortuna. L'italia attuale è come la Romania e la Bulgaria pre adesione all'euro: un paese per vecchi...e basta!
L'ultimo grande vecchio della politica (Napolitano), forse mosso da un sussulto patriottico ha deciso di mettere la parola fine a questa nostra agonia: la politica tutta deve fare un passo indietro, lasciare spazio ai giovani che hanno voglia di fare, che non sono ricattabili e che abbiano al primo posto tra i loro ideali LA VOGLIA DI FAR BENE per il prossimo. La Lega,secondo il mio personale parere non tecnico-politico, ha esaurito il suo corso, come pure il PDL (dal quale adesso tutti si affrettano a fuggire e a disconoscerne ideali e persone...). La Sinistra  non ha la forza necessaria per fare le riforme necessarie.
Io chiedo un paio di cose:

  • che si cambi subito la legge elettorale attuale ripristinando la preferenza diretta , con premio di maggioranza, con sbarramento al 10%, con non ricandidabilità di chi ha fatto più di 2 mandati (anche non di seguito), con gli indagati FUORI!!
  • subito dopo si facciano da parte i grandi vecchi burosauri della politica e che si vada alle elezioni entro e non oltre marzo-aprile 2012
Forse sarà sempre dura ripartire dopo un default come il nostro, ma Monti serve proprio a questo: gestire un fallimento pilotato e (si spera) non troppo doloroso per un RESET che dovevamo fare nel 2008!

Altre nazioni europee sono passate per un cambio di governo prima di iniziare a fare le cose sul serio: Irlanda, Spagna, Grecia....e adesso Italia. Il "sacrificio" di Silvio ha salvato la Francia e forse il resto della zona Euro.

Buona fortuna a tutti noi

giovedì 20 ottobre 2011

Buon Compleanno Riccardo!

Oggi, nonostante il tempo brutto sulla capitale (nella notte un nubifragio ha messo KO tutti i mezzi di collegamento - metro, bus, tram, auto, piedi...) che non accenna a passare, è una bella giornata dentro di me:
il nostro piccolo uomo compie ben 2 anni! 
Da qualche settimana fervono i preparativi, che sono inziati questa mattina con la festa al nido, preseguiranno nella serata con piccola torta in famiglia, poi domenica ci saranno i parenti tutti per festeggiare degnamente questo secondo traguardo di vita!
Sono gia passati 2 anni e quasi non me ne sono reso conto, con la freneticità della vita moderna che ti porta a correre su tutti i fronti, sempre con l'affanno e le tante cose da fare in poco tempo.
Ogni tanto va bene "resettare" tutto e godersi i veri momenti di svago: i figli sono il vero senso della vita e sapere che c'è un frugoletto (o frugoletta) che la sera ti aspetta a casa e che non ti chiede conto di nulla, ma vuole solo stare con te, mi riempie di gioia e di voglia di andare avanti durante la giornata.

lunedì 17 ottobre 2011

Discarica a Riano: una scelta piena di errori...

Cave di Quadro Alto (15-10-2011)
Come sapranno pure i sassi, la zona in cui abito (Riano in provincia di Roma) e' stata designata dal Prefetto Pecoraro , che e' stato investito di poteri speciali di emergenza per la tutela ambientale, per fare la nuova discarica "provvisoria" (dicono solo per 36 mesi) che raccogliera' i rifiuti della capitale.
A parte che non vedo il nesso tra i rifiuti prodotti dai romani e la discarica che li deve trangugiare in territorio fuori roma, comunque se anche fosse la scelta definitiva, io penso che tutto "l'apparato" poggia su macroscopici errori di valutazione.
Il primo errore e' stato l'aver preso come affidabili le mappe e le valutazioni fatte dalla regione(inclusa la scelta dei famosi 7 siti idonei) senza nessun accertamento ulteriore.
Altro errore e' stato ipotizzare che le cave fossero dismesse, quando invece sono attive a tutt'oggi, dando lavoro a molte persone che ancora non sanno nulla sul loro destino!
Poi ci sono tutta una serie di vincoli che non devono essere sottovalutati:



  • le prime abitazioni sono distanti poche decine di metri, il paese di riano e' a 2 km in linea d'aria.
  • vogliamo parlare della falda acquifera e del fiume tevere annesso?
  • del fatto che le cave sono per la maggior parte SOTTO il livello della falda? l'acqua che esce forma le pozze dentro la cava, tanto che, se si spegnessero le pompe che succhiano acqua dal sottosuolo e la incanalano nel fosso, sarebbe un' immenso lago.
  • sempre in prossimità delle cave pare sia stata ritrovata un sito contenente reperti dell'epoca romana
Quindi qua si parla di possibili vincoli paesaggistici (limitrofo Parco della Valle del Tevere!), idrogeologici (falde acquifere) e archeologici (resti romani), ma forse non basta, allora continuo.

Dalle mie recentissime foto aeree si vede che le prime abitazioni (quelle nell'arco di circa 100 mt) non sono poche, poi si passa alla fascia fino a 1 Km nella quale aumentano considerevolmente fino ad arrivare alla fascia 1-3 km dove si trovano paesi interi! Se volete c'è anche un video esplicativo che toglie ogni dubbio.

Nel mio precedente post di luglio 2010 mettevo in guardia dall'ipotetica discarica sul nostro suolo, ma comunque l'amministrazione passata ha forse sottovalutato il pericolo, confidente sul fatto che il ricorso al TAR era bloccato? Mah, col senno di poi si può sempre fare di più, ma adesso è il momento di agire.

Questa scellerata scelta qualcuno l'avrà pure suggerita al prefetto, ma mi chiedo come si fa a mettere una discarica dentro a una zona abitata!


Il tipo di discarica ipotizzata sembrerebbe non a norma, visto che dal 2009 sono proibite discariche a cielo aperto o similari.

I dati ufficiali parlano di un 24% di raccolta differenziata nella capitale (secondo me ampiamente sovrastimato), ma se fanno una discarica di queste dimensioni che senso ha farla la differenziata? E' più remunerativo buttare tutto dentro una cava (attiva) e poi, tra 36 mesi (io dico tra 8-10 anni) chiudere e bonificare (?), scegliendo un altro buco da riempire (Fiumicino, Pizzo del Prete?).

Roma ha paura di fare la fine di Napoli? Si doveva attrezzare per tempo, non scaricare le sue colpe sugli inermi cittadini di provincia!

Tutti sanno (pure mio figlio di 2 anni) che aumentando la raccolta differenziata si fa un bene alla natura, si inquina di meno e ci si guadagna! Oltretutto si conferirebbe in discarica molto meno "pattume" e magari si potrebbe riutilizzare anche quello, ad esempio captando e recuperando biogas da rifiuti, ma in Italia questo è fantascienza nel 2011. Forse nel 2040 quando non sapremo più dove mettere la "monnezza" allora i nostri lungimiranti (che eufemismo!) governanti faranno quello che dovevano fare 30 anni prima, ma ormai saremo tutti ammalati (e magari morti) per tumori vari.

Nella valutazione si e' tenuto conto della viabilita' locale e del loro sicuro stravolgimento? 5000 (cinquemila) tonnellate al giorno vanno trasportate con camion che intaseranno la Via Tiberina e anche la Via Flaminia, dato che si parla di aprire uno sbocco stradale anche su questa consolare!


Vogliamo parlare anche del fatto che le case a Riano e dintorni avranno un valore di mercato inferiore di (almeno) il 30% rispetto a adesso?

Ho trovato uno studio abbastanza veritiero sulla tossicità dei rifiuti conferiti in discarica, (che vi consiglio di leggere) e c'è da restare allibiti: si parla di tossicità di vario tipo, di permeabilità, diffusione odori, umidità, concentrazioni di agenti patogeni.

Tra qualche mese riparleremo di tutto questo, la nostra battaglia è appena all'inizio quindi non abbassiamo la guardia: ci saranno tempi brutti nei quali saremo tutti costretti a fare una scelta: o scendere tutti in piazza per evitare il peggio,e beccarsi qualche manganellata sul groppone, oppure prepararsi al peggio!

Dalla nostra parte abbiamo un vantaggio importante: conosciamo il nostro territorio.

A voi la scelta della parte in cui stare, ma prima di decidere di (non) agire, pensate a quello che lascerete ai vostri figli:
  • meritano una discarica a cielo aperto (e probabilmente anche un inceneritore)?
  • meritano di ammalarsi o peggio?
  • meritano un futuro peggiore del nostro?
Vi prego di far giungere questa mia (nostra) preghiera a destinazione...


giovedì 29 settembre 2011

Post Malagrotta a Riano: è tutto deciso, purtroppo...

Momò Calascibetta: " il sole nella discarica"

Oggi sono veramente di pessimo umore, e non è da me.

Ho appena saputo che la discarica dopo la chiusura di malagrotta, che quindi raccoglierà i rifiuti della capitale, sarà fatta (dicono per soli 3 anni...) a Riano, e precisamente nella zona di Pian dell'Olmo (poi modificata in Quadro Alto, ndr)
Tale zona, come ho scritto varie volte e come potete vedere nel link a Google Maps sopra riportato, solo formalmente ricade (per pochi metri) nel comune di Roma, ma è ben dentro il territorio di Riano. Le prime abitazioni distano solo pochi metri!!!

lunedì 12 settembre 2011

Pensiero per gli studenti

Un nuovo anno scolastico è appena iniziato e il mio pensiero va a tutti gli studenti, che sono il nostro futuro e il nostro "bastone per la vecchiaia", come si diceva una volta.
Purtroppo sono periodi critici soprattutto per loro, pieni di dubbi e preoccupazioni che i genitori non possono a volte risolvere, forse alleviare.
I nostri giovani si trovano a studiare in un paese dove il merito sembra non pagare, dove si sta pericolosamente inculcando il seme della precarietà in tutto: affetti, lavoro, vita sociale, aspirazioni...e di questo devono ringraziare la classe politica che hanno votato i loro genitori.

mercoledì 22 giugno 2011

News sulla discarica post-Malagrotta!

Ciao a tutti,
non avrei mai voluto farlo ma sono costretto dal precipitare degli eventi a pubblicare un post del genere,
soprattutto dopo aver letto oggi questo articolo pubblicato su Il Messaggero (Cronaca di Roma) e confermato dal TG2 di stamattina (sto cercando audio e video del servizio che parla della decisione della Polverini e chi fa prima me lo giri, grazie).

Sembra purtroppo sicuro che il sito individuato dalla presidente di regione (Polverini) sia a nord di roma a pian dell'olmo. Quest'area ricade al limite del comune di Roma, ma gli effetti li subiscono tutti i comuni limitrofi (Riano, Rignano, Castelnuovo, Morlupo, Monterotondo, etc) e minimamente Roma.

mercoledì 15 giugno 2011

Post Referendum

Alla fine la maggioranza degli italiani ha deciso che:
  1. la gestione dell'acqua torna al pubblico
  2. non vuole il nucleare sul proprio suolo
  3. la legge è uguale per tutti
ma andiamo ora a specificare meglio il senso dei risultati.

giovedì 9 giugno 2011

Ci risiamo con i disservizi ACEA !

L'acqua è un diritto di tutti!
Stamane 9 giugno 2011 mi sveglio come sempre alle ore 6.50, vado in bagno per lavarmi, apro il rubinetto e niente acqua: L'ACEA HA COLPITO ANCORA dopo nemmeno 2 mesi dall'ultima volta !

I segni premonitori c'erano sono tutti:

mercoledì 25 maggio 2011

"L'ultima lezione" di Randy Pausch

Qualche anno fa ho letto un libro che ha lasciato un segno indelebile nella mia coscienza.

Si tratta de "L'ultima Lezione - la vita spiegata da un uomo che muore" di Randy Pausch ed è un libro commovente, scritto da una persona che sa di avere ancora poco tempo da vivere e nonostante le avversità decide di essere felice lo stesso in quel suo ultimo periodo di vita. Tanto felice da tenere, nel 2007,  una toccante conferenza agli universitari per un motivo ben preciso: far vedere il video ai suoi 3 figli piccoli, quando capiranno e lui non ci sarà più.

martedì 24 maggio 2011

Post-Facebook

La decisione è maturata, non senza ripensamenti, ma ormai è presa: Facebook fa parte del (mio) passato ed è stato bello finchè è durato.
L'idea di questo particolare e unico social network, che da la possibiltà di essere ricercati, taggati, condivisi, compiaciuti, andando oltre il sociale, oltre il motore di ricerca, per un po' di tempo ha fatto presa in uno come me sempre pronto, recettivo, proattivo e sperimentatore.

Alla lunga questo è diventato stancante perchè, sebbene sempre convinto che il social network sia utile alla produttività (e l'ho anche scritto in un mio precedente post) l'approccio che sta seguendo Facebook ti da un sovraccarico di info e di "cose da fare" che devi avere veramente poco altro da fare per stare sempre connesso e "allineato": alla fine arrivi a subire l'effetto "Farmville"(chi conosce questo gioco sa di cosa parlo)  e cioè sempre più input, cose da vedere, da fare, da condividere, etc.

Più "amici" hai e più la tua bacheca e la tua posta si riempiono di cose, commenti, idee, valutazioni e devo dire che all'inizio è tutto bello e stimolante, ma alla lunga stanca. Questo è quanto è accaduto a me: un sovraccarico di info che non si riesce a gestire, ma si subisce e ti distrae. E' vero che chi si mette su Facebook lo fa anche per essere rintracciato e quindi un po' spiato, ma non ne faccio una questione di privacy quanto una questione di efficienza lavorativa.

Preferisco di gran lunga Twitter, che è meno "pervasivo" e indiretto: se lo usate e mi volete aggiungere sono Bonfa2k

Non so se sarà un addio o un arrivederci, per ora basta con Facebook (ma non con i social media!): non pubblicherò nuovi contenuti, se non link da twitter o dai miei 2 blog sulla bacheca.

Ringrazio tutti gli amici virtuali e reali presenti nella mia lista, ma non "sparisco" in quanto ho questo blog e altri mezzi per essere "rintracciato".

See you later!

Aggiornamento del 1 ottobre 2011: dopo ben 3 mesi di assenza sono tornato su FB perchè mi sono reso conto che non riesco a contattare tutti gli amici senza la velocità degli strumenti messi a disposizione da facebook e in vista della battaglia anti discarica mi occorre tutto l'aiuto possibile...poi forse mi ri-eclisso :-)

martedì 17 maggio 2011

Esperienza Sindacale 2.0

Dopo la parentesi elettorale appena conclusa, ho deciso di "imbarcarmi" in un'altra avventura: candidarmi alla Rappresentanza Sindacale Unitaria (RSU) della mia azienda!
Questa decisione è maturata perchè credo che sia utile fare una esperienza del genere per capire veramente le logiche che stanno dietro alle contrattazioni nazionali.

Il contratto nazionale dei lavoratori metalmeccanici (CCNL Metalmeccanico) al quale faccio riferimento è il Contratto per definizione in quanto raccoglie la maggior parte dei lavoratori italiani.

Con il passare del tempo sotto il cappello di questo contratto sono finiti lavoratori che nulla hanno a che fare con la figura di metalmeccanico: non pensate che sia associato solo a chi lavora in fabbrica con elmetto, tuta e chiave inglese, come stereotipo dell'operaio! Adesso raccoglie tanta e variegata forza lavoro: Industria, Servizi, Informatica, Telecomunicazioni, etc. ognuna con le proprie peculiarità e bisogni.

Forse sarebbe opportuno creare un contratto a parte per la categoria ICT per servizi connessi all'informatica e alla comunicazione, ma questa è un'altra storia.

L'impegno della prossima RSU dovrebbe avere come punto cardine la firma tra le parti di un Contratto integrativo che sia un "normato" consolidamento di quanto finora nelle disponibilità dei dipendenti e che tenga quindi conto di:
  • Premio di risultato 
  • Permessi retribuiti per malattia figlio
  • Assicurazione previdenziale e infortuni
  • Aumento dell'importo del buono pasto 

    Il 25 e 26 maggio 2011 ci saranno le elezioni e vedremo cosa succede, ma la responsabilità è grossa.

    Spero solo che TUTTI gli "aventi diritto" vadano a votare, altrimenti poi non ci lamentiamo se le cose non vanno come dovrebbero...

    --------------------------------------------
    Aggiornamento del 26 maggio alle ore 17.00

      

    lunedì 9 maggio 2011

    Esperienza apartitica 2.0

    Da poco tempo sto dando supporto a una lista civica apartitica (non associata ad alcun partito politico) nel mio paese di domicilio.

    Sono entrato "nel giro" quasi per gioco, su presentazione del padre di un mio carissimo amico e compagno di calcetto.

    Dopo 39 anni ho deciso di schierarmi dalla parte di qualcuno per le elezioni comunali e la cosa la devo soprattutto alla nascita di mio figlio Riccardo che mi ha fatto prendere coscienza del ruolo che mi compete. Questa presa di posizione nella politica "attiva" è dispendiosa, ma sicuramente riesco a capire "come gira il fumo" (almeno ci provo) anche nelle piccole amministrazioni, il che non guasta mai.

    Lo consiglio,come approccio, a tutti quelli che si fanno le domande sul perchè di tanti problemi che non arrivano alle "orecchie" del comune e quindi non trovano la risposta.

    La mia personale visione della politica attiva fa si che il mio impegno sia sempre continuo, utilizzando i nuovi mass media, il web 2.0, la comunicazione integrata, l'approccio digitale, tutto quello che tanti vecchi politici non conoscono e che si ostinano a sottovalutare: il vecchio modo di far politica è morto! 

    La miopia dei nostri governanti locali è così forte che pensano a costruire un secondo centro anziani, ma non pensano a spazi di aggregazione giovanile, luoghi di incontro e tutto quello che può supportare una sana crescita. Esiste solo il cemento e il tufo come unici "drivers" di costruzione: non si pensa a ecosostenibilità, ecocompatibilità, impatto zero, raccolta differenziata "seria"...e troppo altro manca.

    Io sono convinto fautore della politica fatta dai giovani per i giovani: sono loro i veri detentori della terra in cui vivono, sono loro quelli a cui toccherà l'ingrato ma stimolante compito di migliorare questo mondo.

    Una vecchia massima dice che la terra la ereditiamo dai nostri padri, io invece sono convinto che la prendiamo in prestito dai nostri figli e a loro la dovremo restituire nelle migliori condizioni possibili!

    mercoledì 30 marzo 2011

    Il Programma del governo Berlusconi IV

     Oggi vorrei aprire una discussione su quanto era scritto sul programma di governo della coalizione che ha vinto le ultime elezioni nazionali (2008), la fiducia delle imprese e dei consumatori...

    Innanzitutto riporterò un pò di link dove ci sono utili statistiche circa la fiducia in questo governo.

    I punti del programma sono:
    • Rilanciare lo sviluppo 
    • Sostenere la famiglia, dare ai giovani un futuro 
    • Assicurare più sicurezza e più giustizia 
    • Modernizzare i servizi ai cittadini (Sanità, Scuola, Università, Ricerca, Cultura e Ambiente) 
    • Il Sud 
    • Il Federalismo 
    • Un piano straordinario di finanza pubblica
    Ci sarebbe da scrivere un libro  per ogni punto "percepito", ma analizzeremo solo i fatti. 

    Un buon sito di riferimento è il portale del Governo per l'Attuazione del Programma

    poi vi segnalo 2 utili statistiche che vi consiglio di stampare e leggere.

    Fiducia consumatori - Indice Istat (Isae) al 22.2.2011 - 34 mesi di Governo

    Fiducia imprese - Indice Istat (Isae) al 24.2.2011 - 34 mesi di Governo

    e poi la percezione  (di febbraio 2011) sulle prime pagine dei principali quotidiani nazionali, dei consensi sull'attuazione programma Governo.
    Qua trovate la stessa percezione per la stampa estera

    Buona (critica) lettura e aspetto i vostri commenti! 

    Bonf@

    mercoledì 23 marzo 2011

    Word of Mouth (passaparola) 2.0

     Io che da tempo faccio del passaparola il simbolo di massima condivisione, libertà e gratuità (è anche il nome di questo blog) sto conoscendo una nuova realtà: quella relativa alla monetizzazione di tale antico "vezzo" umano e cioè passare informazioni ad amici/parenti o semplici conoscenti (a volte non serve nemmeno conoscerli) circa mezzi, oggetti (generi alimentari e prodotti di tecnologia in primis), servizi (cinema, teatro, massmedia in genere), e tutto quello di cui ci lamentiamo o di cui stendiamo lodi.

    Ho trovato, grazie alla segnalazione di una mia competente amica, un sito chiamato Wommi che spiega come questa vecchia strategia di comunicazione stia soppiantando tutti i tradizionali metodi di pubblicità.
    Ci si registra, si versa una quota associativa e si ha accesso a studi comparati, metriche, tipologie di advertising, eventi, seminari sulla tematica più antica del mondo: il passaparola detto anche word of mouth.
    Il cardine di tutto è una metodologia chiamata Buzz Marketing  che altro non è che la pubblicità (consapevole o meno) di qualcosa tramite la rete web sociale (blog, social network, forum).

    Altra realtà interessante è Promodigital (di Wikio) che "cavalca l'onda" buzz sempre tramite il passaparola ed ha fondato il Wommi di cui sopra.

    Vedete? Inconsciamente  sto facendo Buzz Marketing ... :-)

    Buon "word of mouth"

    lunedì 21 marzo 2011

    Costruirsi una NAS + RAID a costo (quasi) zero

    Questo è un tema abbastanza tecnico e non vorrei annoiare troppo chi non "mastica" i termini di seguito riportati, ma saperlo può essere utile.
    Innanzitutto, cosa è una NAS? L'acronimo sta per Network Attached Storage e si tratta fondamentalmente di avere a disposizione uno spazio logico slegato da quello fisico,accessibile via rete ethernet, in modo da poter archiviare quello che voglio con un minimo di ridondanza e di sicurezza tali da garantire che i file memorizzati non vengano corrotti irrimediabilmente e quindi possano venir recuperati, grazie all'implementazione di una architettura RAID.

    A casa le ho provate tutte prima della scelta definitiva:
    1. ho comprato qualche anno fa una NAS dedicata con 2 slot (2 dischi da 1,5 Tera Byte l'uno) con possibilità di fare RAID 0 (stripe) oppure RAID 1 (mirror)  ma compatibile solo con windows xp (e non seven!!!!) : stiamo parlando di NetGear (modello SC101T), mica dilettanti,  eppure non esiste nessun modo conosciuto di fare vedere la NAS siffatta da PC con sistema operativo Windows Seven, se non utilizzando una macchina virtuale XP (tramite VMWare oppure Virtual PC o Virtual Box) dentro Windows Seven. Per Windows Vista esisteva una modalità compatibilità, ma tale S.O. non rientra tra quelli preferiti dal sottoscritto per ovvi motivi.
    2. ho quindi cercato metodi alternativi e, avendo a disposizione un vecchio case AT, l'ho "carrozzato" portando la memoria RAM a 1 GB, inserendo un disco da 120 GB e (ben) 3 dischi SATA da 1,5 TB l'uno avendo quindi a disposizione uno spazio di archiviazione teorico di 4,5 TB per configurazione RAID 0 e 2,7 TB per RAID 1 o 5 (la migliore configurazione!). 
    3. Quindi ho provato a installare FreeNAS che è un sistema operativo opensource e contiene al suo interno il modulo RAID per la gestione dei dischi. L'impatto è stato positivo: GUI di installazione  e facile configurazione dei dischi in modalità RAID 5, peccato che ogni mezz'ora si spegne tutto e al riavvio non trova i dischi! Dopo 2 settimane di continui setup, riavvii e problematiche varie decido di cambiare e provo altro.
    4. ecco quindi il momento di OpenFiler (sempre opensource e gratuita per fini personali, helpdesk a pagamento) configurato come NAS e con architettura RAID 5 ma ci mette una vita per creare l'indice del filesystem da 2,7 GB, tant'è che dopo 3 giorni ho smesso e ho azzerato di nuovo tutto.Alla fine ecco la soluzione definitiva:
    5. Installazione di Windows XP SP3 con drivers SATA RAID (la mia scheda madre ha il controller RAID ,anche se va installato il driver Nvidia apposito) e quindi ho creato un disco RAID 0 striped in quando Microsoft non permette la creazione di dischi RAID 5 su Windows XP : l'opzione c'è ma non è selezionabile!! in quanto è permessa solo su sistemi Windows Server, per sua stessa ammissione. Comunque la soluzione trovata mi permette di avere ben 4,5 TB di spazio logico con un minimo di sicurezza e ridondanza.
    Spero di non avervi annoiato troppo, ma la soluzione a basso costo per avere un server di archiviazione abbastanza performante e ridondante esiste!

    mercoledì 16 marzo 2011

    Il ritorno (?) del nucleare in italia

    Il nucleare in Italia è stato messo alla porta dagli italiani con l'esito del famoso referendum popolare post-Chernobyl del 1987 e da allora che le associazioni "pro nucleare" cercano di far rientrare il discorso e quindi riproporlo.

    Si parla di centrali di ultimissima generazione, si cerca disperatamente di trovare una sede ove depositare le scorie (e si era parlato di cave sotterranee di sale, di bucare montagne, di mettere tutto sotto il mare, etc..) e per fortuna che i mass-media di riferimento non sono quelli del 1986, ma Internet ha spazzato via tutte le nubi:
    sono stati pubblicati articoli, foto, commenti sulla pericolosità dello stoccaggio delle scorie e mi ricordo ancora delle sconvolgenti foto dei fusti radioattivi messi dai tedeschi in una miniera di sale sotterranea , credendoli al sicuro per almeno 1000 anni (dicevano i panzer) per poi scoprire amaramente (e incoscientemente) che alcuni fusti si erano rotti, facendo fuoriuscire materiale e inquinando la falda acquifera sottostante che nel frattempo era salita fino ad allagare la ex miniera "sicura". Su Wired potete vedere la cronostoria degli incidenti nucleari e da soli sarebbero un buon motivo per affossare nuovamente le pretese delle lobbies..
    Tali corporazioni cercano di rassicurare la popolazione che il nucleare di ultimissima (?) generazione è sicuro, non da problemi ed è l'unica risposta alla crescente domanda di energia. Le fonti alternative rinnovabili (vento, sole, maree) ci dicono non bastare per garantire l'autosufficienza ed è un grosso errore:
    se ogni famiglia avesse un impianto fotovoltaico (in italia ci sono 200-240 giorni di sole all'anno!)e uno di cogenerazione installati presso la propria abitazione, avrebbe energia per sè, per la comunità e avanza pure per guadagnarci qualche soldino.

    L'analisi del grafico in alto a destra mostra che l'ultimo disastro in ordine di tempo collocato in Giappone (evento nucleare post-terremoto e post-tsunami) ci fa capire che la natura è meglio lasciarla tranquilla. Che senso ha metterci nelle mani di una fonte di energia che fa più danni che utili? Il sole e le altre fonti rinnovabili non fanno tutto questo danno e non lasciano per millenni tracce negative sulla terra (radiazioni, scorie, conseguenti tumori, etc).

    Penso inoltre che se ha fallito il Giappone, paese noto per la proverbiale precisione, lungimiranza, ordine (tutte cose che da noi sono fenomeno di "nicchia")  ma dove vuole andare l'Italia che non sa (e non ha) un sito idoneo per immagazzinare le scorie?Farebbero le "ecoballe nucleari" (come quelle migliaia di INUTILI balle dell'ormai tristemente famoso scandalo monnezza) che ci spaccerebbero per sicure, magari messe a marcire al sole.

    Io vedo una campagna mediatica di accerchiamento pro nucleare, pro inceneritori, pro discarica, ma lo sanno quelli che ci governano che tutti i danni li subiamo direttamente sul territorio?
    Quelli che decidono del nostro futuro molto probabilmente manco lo vedranno ,e sto parlando del 2020...

    Quindi rimbocchiamoci TUTTI le maniche e facciamo la parte attiva (e non passiva), per salvare questo paese dai soliti vecchi. 

    venerdì 11 marzo 2011

    I social network aumentano la produttività!

    La mia personale idea, derivante dall'utilizzo di questi social network (Twitter e Facebook, oltre Foursquare e l'ormai defunto Google Buzz) è che possano ,se utilizzate nel giusto modo, aumentare la produttività individuale.
    L'incrocio tra sociale e web aumenta le possibilità di interazione, di confronto e di scambio di idee/metodi.
    Tutto questo, e non solo il mero click su "mi piace" o "condividi" può mettere in collegamento persone e quindi è in grado di aumentare la massa di cervelli pensanti, magari anche su idee diverse.
    Prima questi strumenti non c'erano e l'evoluzione si era un po' appiattita, ma questa nuova era porterà tanta condivisione e tanta voglia di sociale. Non parlo solo di "virtual social", ma grazie a questi strumenti ci si può mettere direttamente in contatto e riprendere collegamenti interrotti da anni.
    La produttività cosa è? Può essere vista come il rapporto tra il tempo utilizzato e il "prodotto" fornito, che si tratti di pensiero, produzione di documenti di qualità, innovazione, idee nuove, etc..
    In questo caso il social può essere di grande aiuto perchè 1+1 non fa 2 ma può fare 3 o anche 4...mi spiego meglio: è come lavorare in multitasking, in cui più processi vengono svolti simultaneamente ( o quasi). Non si chi di voi ha letto il libro (tomo!) di Ray Kurzweil : la "Singolarità è vicina" . Il libro parla sostanzialmente del pareggio tra intelligenza artificiale e naturale entro il 2050 con quest'ultima che soccomberà, ma parla anche del fatto che molti di noi se messi a lavorare insieme riescono a produrre più della somma delle unità. Lo scambio sociale è anche questo: quando condivido info, news o ci si confronta su un tema (serio o meno) si abilitano delle sinapsi che mi mettono in contatto con il resto del mondo sociale che mi risponde, criticando o appoggiando l'idea. Questo aumenta la produttività perchè mi porta a pensare in maniera diversa perchè il confronto è anche questo, da questo ne deriva che la somma 1+1 dia un numero maggiore di 2.
    Spero che il mio messaggio sia arrivato, ma vi ho convinto?

    giovedì 10 marzo 2011

    Vi consiglio un bel libro

    Mi preme segnalare una ottima opera editoriale: si tratta di un romanzo dal titolo 'La Beretta ce l'avevo nello zaino'   edito dalla casa editrice "Narrativa e Poesia" di Lanuvio (Roma). 
    In questo libro i due protagonisti raccontano in prima persona le proprie (dis)avventure. Tonino è un bambino di undici anni che cresce, negli anni '80, in un paesino devastato dalla camorra. I genitori non solo se ne infischiano di lui, ma lo maltrattano e non pensano al suo futuro. Solo il nonno che ha combattuto durante la Seconda Guerra Mondiale, il professore d’italiano ed un prete coraggioso, si prendono cura delle sorti del ragazzino.  Su un binario parallelo e spostandoci ai giorni nostri, Antonio è un giornalista sportivo che vorrebbe occuparsi di questioni sociali e morali, anziché del corrotto mondo del calcio. 
    Sia il bambino che il giornalista vengono coinvolti, loro malgrado, in due omicidi. Alla fine della storia, le esistenze dei due protagonisti… s'incroceranno e daranno vita ad un impegno congiunto per realizzare il proprio progetto di vita. Sullo sfondo appaiono memorie di guerra, pacate discussioni di filosofia, psicologia... e anche di calcio. 
    Il libro, il cui costo è di €  12, può essere acquistato tramite il sito http://www.narrativaepoesia.com/ 
    Buona lettura!

    martedì 1 marzo 2011

    Parcheggi per residenti e soliti balzelli comunali...

    Forse per qualcuno non è cosa nuova, ma stamattina ho scoperto che per poter parcheggiare a Velletri, nei posti assegnati ai residenti davanti la mia casa (8-10 posti macchina), devo:
    1. scaricare dal sito comunale tutta la documentazione da riempire (10 pagine di moduli), 
    2. fare fotocopie di carta di circolazione, patente, libretto di circolazione
    3. andare al comune a consegnare il faldone firmato 
    4. pagare una marca da bollo da 14 euro 
    5. e poi...udite udite...altri 50 euro di bollino annuale (nuova quota 2011 e quindi soggetta ad aumenti incontrollati e ingiustificati)
    A me non sembra giusto e mi risulta che gli anni scorsi i 50 euro non si pagavano!



    Io metterei l'auto in quel posto circa 3 volte al mese, che per 12 mesi danno circa 40 parcheggi annuali.
    La domanda è: mi conviene? Forse sono pochi i posti e quindi diventa un lusso parcheggiare?

    Mettiamoci pure che nella stessa piazza c'è un locale adibito a palestra, in alcune sere non si parcheggia nemmeno un'unghia... figuriamoci un'auto dei residenti!

    Vuol dire che continuerò a parcheggiare in altro posto...GRATUITO!

    martedì 22 febbraio 2011

    Non si investe sulla ferrovia = non si investe sul paese = baratro!

    Continuiamo a sparare sulla croce rossa, alias linea Roma-Viterbo nella tratta urbana Roma Flaminio- Montebello:  ieri sera 10 corse urbane soppresse dalle ore 18 alle ore 22, con una media di 3 l'ora.
    L'unico trenino disponibile era quello delle ore 19.08 che era stracolmo di gente ed è partito pure in ritardo.

    L'ATAC sembra essere allo sbando (oltre che in quasi dissesto economico): mette cartelli di avviso di soppressione delle corse direttamente al pomeriggio tardi, quando non puoi più lamentarti e segnalare qualcosa alle autorità. E' talmente tanta la voglia di tornare a casa dopo una faticosa giornata di lavoro che passeresti sopra tutto: basta riuscire a salire sul primo treno disponibile e via verso casa, dimenticando disagi, ritardi, soppressioni, treni maleodoranti, scomodi, freddi e pieni di gente che non fa il biglietto,etc etc.

    Comunque oggi vengo a sapere che la Regione Lazio, nella figura della Polverini, ha annullato la gara  per il potenziamento della suddetta linea ferroviaria!!

    Non riesco a credere che ci sia tanta miopia istituzionale: i soldi ci sarebbero pure (ormai fanno tutto i privati, come dimostrano i megacartoni pubblicitari sui monumenti in ristrutturazione ovunque a roma), quindi perchè?
    Sul documento si legge che sono stati ridistribuiti i fondi FAS ed è quindi mancata la copertura finanziaria per l'opera. Questo è l'inizio della fine perchè l'Europa continua ancora a sanzionarci e noi paghiamo ancora le multe per le quote latte che il nostro governo anche quest'anno ha differito (scadenza luglio 2011) e quindi altre sanzioni dall'europa, ma fino a quando finiranno veramente i soldi: allora si tornerà al baratto.

    Non fare un'opera come quella del potenziamento della ferrovia Roma Nord innescherà una bomba a tempo che esploderà prima o poi.Troppi pendolari e pochi treni, la situazione è insostenibile.

    Non riesco poi a spiegarmi come mai, soprattutto la sera, saltano le corsette (tutti i dipendenti malati contemporaneamente?) e gli scioperi sono sempre strategici di venerdì. Proprio i dipendenti ATAC dovrebbero avere a cuore il servizio perchè i primi a saltare saranno loro.

    Ma dove andremo a finire, sennò di sotto nel baratro?

    Il nostro paese è destinato a soccombere e a fare la fine di tanti altri poveri paesi: il Debito Pubblico e questa incompetente classe politica (Destra o Sinistra è UGUALE!!!) stanno schiacciando sempre più ogni residua speranza di ricostruire questo paese e tolgono il futuro ai giovani.

    Io resto, forse, ma mio figlio lo mando via da qua appena possibile: non merita questa fine.

    AGGIORNAMENTO del 3 aprile
    Dopo mio ulteriore sollecito (non mi era piaciuta la loro prima ,e a mio modesto parere, evasiva risposta) ecco la risposta ufficiale di ATAC:

    Gentile signor Bonanni,

    in riferimento alla Sua ultima e-mail del 16 marzo scorso, nella quale esprime la Sua insoddisfazione per la risposta avuta, Le comunichiamo che, da quanto verificato attraverso la documentazione aziendale, le motivazioni delle soppressioni dei treni verificatesi nella giornata del 22 febbraio scorso, ma valida anche per la maggior parte delle altre soppressioni, sono riconducibili, principalmente, a guasti ed alla momentanea indisponibilità dei treni in riparazione. Come già riferito nella nostra precedente risposta, Le confermo la volonta e l'impegno per trovare soluzioni alle problematiche presenti sulla linea, di concerto con la Regione, Le provincie e i Comuni insistenti sui vari territori.
    Ci scusiamo per i disagi e Le inviamo distinti saluti.

    Distinti saluti.


    Che faccio? Insisto nuovamente?mmm...secondo me è tempo perso.

    venerdì 18 febbraio 2011

    Bada OS: il perchè di una scelta...


    Dopo tanti anni mi sono concesso il lusso di comprare un telefonino. Oggi vanno di moda gli "smartphone" per le innumerevoli funzioni che offrono (spesso inutilizzate dai profani) e per il fatto che ormai la connettività è come l'aria: se non c'è si soffre...soprattutto per uno come me che "naviga" nella tecnologia e che vuole sempre stare al passo, ma senza svenarsi! Dopo varie ricerche di marche, modelli, sistemi operativi, funzioni, etc, valutando soprattutto in base al fondamentale rapporto Qualità/Prezzo, più che mai attuale visto la (solita) crisi che abbiamo nel bel paese: ogni acquisto va ben ponderato, valutato in ogni suo aspetto (opportunità, disponibilità, NECESSITA') e poi si compra o meno.

    La scelta è caduta sullo smartphone SAMSUNG WAVE GT- S8500 che ha tante belle funzionalità (una su tutte la possibilità di fare da router wifi con la connessione telefonica e condividerla tra più apparecchi che siano sempre in grado di ricevere segnale wifi) inclusa la radio, il registratore vocale, GPS integrato, bussola digitale, accelerometro, etc...

    La fotocamera è da 5 MPixel, con flash integrato (rarità su telefoni di questa fascia di prezzo che poi vi dirò), possibilità di fare video in modalità HD 720p.

    A questo link trovate le caratteristiche principali, mentre qua trovale le specifiche tecniche.

    Il sistema operativo non è ne IOS (di Apple), nè Android (Google) nè WP7 (Microsoft Windows), ma l'eccellente BADA (di Samsung).

    Questo sistema operativo è veramente opensource, su kernel linux (info BADA da Wikipedia) e Samsung ci sta investendo molti capitali e menti per farlo crescere. E' in via di rilascio la versione 2.0 di tale sistema operativo, che dovrebbe contenere molte novità: multitouch, migliore gestione del menù, etc.

    Ha a disposizione uno store chiamato SAMSUNG APPS dal quale scaricare le app, la maggior parte in forma gratuita.
    Per chi è malato come me di social, il wave ha preinstallato i client Facebook, Twitter e poi ha una app chiamata Social Hub  che fa da collettore per tutti gli indirizzi di posta che uno ha su gmail, yahoo, hotmail...persino exchange!
    Oltre alle app si possono installare dei widget per il meteo, la borsa, blog, etc..

    Tornando al telefono (anzi smartphone!) , monta un meraviglioso schermo SUPER AMOLED da 3,3 pollici (stesso tipo di schermo dell'iPhone 4) assolutamente da vedere e provare, ha una potenza elaborativa di fascia alta (CPU da 1 Ghz) e sezione video che permette di far girare giochi in alta risoluzione.

    Cosa altro aggiungere?Ah...il prezzo! Ebbene, questo gioiello tecnologico costa meno di 300 euro (il l'ho pagato € 270 circa 1 mese fa su monclick.it) e considerando il prezzo di analoghi smartphone come l'iPhone 4 e il Samsung Galaxy S (circa 600 euro), questo Wave S8500 si rivela un ottimo compromesso.


    Fateci un pensierino :-) 

    giovedì 13 gennaio 2011

    Il (mio) piccolo mondo perfetto

    Certe volte me la prendo con me stesso in quanto il mio spiccato senso civico mi porta a notare troppe cose che non vanno.
    Vorrei farne una lista (in ordine sparso e sempre in aggiornamento) che potrebbero rendere il nostro piccolo mondo sociale quasi perfetto:
    • parcheggiare la propria auto in maniera corretta
    • pagare (tutti) le tasse in relazione alle proprie disponibilità
    • rispettare le file agli sportelli
    • inquinare e sprecare di meno
    • fare la raccolta differenziata 
    • utilizzare un approccio minimalista alle cose (grazie a Fgiamma!) e quindi non comprare sempre tutto quello che ci passa per la testa. 
    • svincolarsi dalla pubblicità
    • guardare la TV il meno possibile
    • far notare le cose alla gente (es. chi butta la carta in terra, chi fuma in luoghi non permessi,etc..)
    • fare almeno una buona azione al giorno
    • sorridere spesso
    • accarezzare la testa di un bambino
    • essere gentili e cordiali con tutti 
    • non dire parolacce 
    • guidare con calma 
    • dare la giusta importanza alle cose 
    • pagare (e far pagare) il biglietto sui mezzi pubblici 
    • scrivere una lista di buoni propositi per la giornata 
    Aggiornamento:
    • avere sempre presente il BENE COMUNE nelle proprie decisioni (grazie Andrea!)
    • (in ufficio) andare in bagno e chiudere la porta (grazie a Antonio) 
    • guardare la tv con il massimo senso critico possibile (grazie Alessia!)
    • bere l'acqua di rubinetto e non acquistare quella in bottiglia  (grazie Alessia!)
    • andare sempre a votare  (grazie Alessia!)
    Chi volesse ne può segnalare altre...

    Vi aspetto!

    BonFa