mercoledì 23 marzo 2011

Word of Mouth (passaparola) 2.0

 Io che da tempo faccio del passaparola il simbolo di massima condivisione, libertà e gratuità (è anche il nome di questo blog) sto conoscendo una nuova realtà: quella relativa alla monetizzazione di tale antico "vezzo" umano e cioè passare informazioni ad amici/parenti o semplici conoscenti (a volte non serve nemmeno conoscerli) circa mezzi, oggetti (generi alimentari e prodotti di tecnologia in primis), servizi (cinema, teatro, massmedia in genere), e tutto quello di cui ci lamentiamo o di cui stendiamo lodi.

Ho trovato, grazie alla segnalazione di una mia competente amica, un sito chiamato Wommi che spiega come questa vecchia strategia di comunicazione stia soppiantando tutti i tradizionali metodi di pubblicità.
Ci si registra, si versa una quota associativa e si ha accesso a studi comparati, metriche, tipologie di advertising, eventi, seminari sulla tematica più antica del mondo: il passaparola detto anche word of mouth.
Il cardine di tutto è una metodologia chiamata Buzz Marketing  che altro non è che la pubblicità (consapevole o meno) di qualcosa tramite la rete web sociale (blog, social network, forum).

Altra realtà interessante è Promodigital (di Wikio) che "cavalca l'onda" buzz sempre tramite il passaparola ed ha fondato il Wommi di cui sopra.

Vedete? Inconsciamente  sto facendo Buzz Marketing ... :-)

Buon "word of mouth"

Nessun commento: