mercoledì 20 novembre 2013

Perchè le istituzioni non usano i social network?

Il recente dramma che sta vivendo la Sardegna (il ciclone Cleopatra ha fatto morti, feriti e tanti senzatetto) impone una riflessione su cosa si poteva fare e cosa non si è fatto per salvare vite umane.

La Protezione Civile afferma di aver prodotto, circa 12 ore prima, un allerta meteo per condizioni "critiche" che poi l'ente regione non ha fatto circolare a dovere e tanti abitanti non sapevano nulla della calamità che si sarebbe abbattuta su di loro dopo poche ore.

Tanti altri abitanti invece avevano fatto circolare notizie che probabilmente hanno salvato vite umane e quindi la domanda è : perchè la Protezione Civile, la Regione Sardegna e le altre istituzioni non usano i social network per comunicare e avvisare per tempo?

Passata il ciclone adesso si assiste a una gara di solidarietà tra utenti di twitter ad esempio: attualmente gli hashtag (#) più utilizzati sono #allertameteoSAR e #Sardegna (oltre a #ForzaSardegna come tag di supporto ai tanti sardi che vivono questo dramma) per passarsi info e numeri utili per l'emergenza, offerte di aiuto.

La cosa che dispiace è che non si tratta di account ufficiali di enti, ma semplici utenti.

Questo deve far riflettere le istituzioni che sono veramente "indietro" e che hanno perso una occasione irripetibile per poter dare informazioni in maniera più capillare di un dispaccio telex o fax inviato a un ente che magari l'ha lasciato marcire su una scrivania e dopo poco si è scatenato l'inferno.Si poteva e si doveva fare di più, soprattutto pensando a chi non c'è più.

Abbiamo gli strumenti?Usiamoli!

Le istituzioni si devono dotare di un profilo ufficiale sui social network e comunicare bene.Deve essere obbligatorio. 


Ricordo che siamo nel 2013 e che quasi 50 anni fa l'uomo è andato sulla Luna.